Vai al contenuto

FrancescoImpellizzeri.com

PRINCIPALI MOSTRE PERSONALI

2012
Non c’è Myra senza Vidal - Whitecubealpigneto, Roma
Per l’Appunto - Banca Popolare di Bergamo, Roma

2010

IMPELLIZZERI XX - MLAC Museo Laboratorio Arte Contemporanea La Sapienza, Roma

2007
Riassunto: Pensierini, parole e….. - Bonelli Arte Contemporanea, Mantova

2005
Pensierini - Spazio Symphonia, Milano
Pensierini della notte - Riparte Hotel Excelsior, gall. Lipanje-Puntin, Napoli

2004
Pensierini, palabras y…- Espacio Minimo, Madrid
On paper - (con C. Accardi) A.A.M. Archiettura, Roma

2002
Videoclippami - Gall. Estro, Padova

2001
Videoclippami - Espacio Minimo, Madrid
La S.V. è invitata… - (con M. Kostabi) Temple Gallery, Roma

2000
Meteorismi - Il Ponte Contemporanea Project, Roma (testo in cat. Di G. Marziani)
F. Impellizzeri e S. Cagol - Gall. Estro, Padova (testo di Barbara Martusciello)

1999
Spari e Paillettes - Duetti - Artecontemporanea (con S. Lucietti ), Catania ( testo di Paola Nicita )

1997
Olì, Olè, Olà - Espacio Minimo, Murcia - Spagna
…o0O!!! - Zoo Arte Contemporanea, Bologna (testo di Fabiola Naldi)

1996
Uno & Trinox - Gall, Oddi Baglioni, Roma
Trapano - (con A.Sammartano) Laboratori Officina, Trapani (catalogo con testo di Claudio Cerritelli)

1995
Delitto Perfetto - ( con G.Montesano ) Gall. Pio Monti, Roma (testo di Ludovico Pratesi)

1993
Unpopop - Studio Oscar Turco, Roma a cura di Ludovico Pratesi

1992
Colori Sonori - Gall. La Nuova Pesa, Roma (catalogo con testo di Patrizia Ferri)

1990
F.Impellizzeri, D.Legrand - Temple University Gallery, Roma (catalogo con testo di Ludovico Pratesi)

1988
Yma Sumac - Gall. Gruppo 10, Roma (testo di Fulvio Abbate)

PRINCIPALI MOSTRE COLLETTIVE

2012
Intrecci - Granaio del Baglio Di Stefano, Fondazione Orestiadi, Gibellina (TP)
Casa con Vista, Via delle Mantellate, Roma

2011

L’intreccio dei viaggi - Termoli, Civica Arte Contemporanea, Termoli

2010

GASP - Galleria di Atre Contemporanea Sistema Paese alla Farnesina, Roma Difforme - Aratro, Università di Campobasso 
Polvere negli occhi, nel cuore sogni - Collezione permanente, Liceo Bafile,  L’Aquila

2009
L’Arabesco - Gall. Santo Ficara, Firenze
New Opening - Galleria La Bussola, Cosenza

2008
Experimenta - Collezione Farnesina, Ministero Affari Esteri, Roma
“In/Out”Video d’Artista, Artista in video - Nuovo Cinema Aquila, Roma

2007
La luce e l’ombra - Palazzo Pino Pascali, Polignano a Mare (BA)

2006
Progetto Vema - Padiglione Italiano, Biennale Architettura Venezia

2005
Don’t call it performance - Konceptkonstmuseum, Rydboholm (Svezia)
Ovalitudine - Complesso “Le Ciminiere”, Catania
Cow Parade - Piazza della Repubblica, Firenze

2004
Primo - Buia Gallery, New York City
Don’t call it performance - Museo del Barrio, New York City / DA 2, Salamanca (Spagna) / CAAC. Siviglia (Spagna)
Melting Music - Gall. Guidi e Schoen, Genova
L’Occhio, l’Orecchio, il Cuore - Palazzo Ducale, Lucca

2003
Don’t call it performance - Museo Reina Sofia, Madrid / Centro Pàrraga, Murcia (Spagna)
Video Room - Espacio Minimo, Madrid
Young Italian Genome - BUIA gallery, New York
Melting Pop - Palazzo delle Papesse, Siena

2002
Via Pal - Il Confine dei pensieri, Gall. Civica d’Arte Contemporanea, Trento
Il Sogno, il Colore, il Segno - Centro Culturale Italiano, Istanbul (Turchia)
Una Babele Postmoderna - Palazzo Pigorini. Parma a cura di E. Di Mauro
Autori/tratti/Italiani - Gallerie Costiere di Pirano, Galleria Civica, Slovenia

2001
Neue Heimat - Gall. Falzone, Mannheim (Germania)
Trends - La Salara, Bologna
Dalla Mini Al Mini - Palazzo delle Esposizioni, Roma, a cura di G. Marziani
Le Muse Inquietanti - Palazzo Pascali, Polignano a Mare (Ba)
Corporate Identity - Gall. En Plain Air, Pinerolo (TO) a cura di G. Curto e O. Gambari

2000
Dalla Mini Al Mini - Cartiere Vannucci, Milano a cura di G. Marziani
Talents - Spazio Consolo, Milano a cura di G. Marziani
A.C. Sicilia 2000 - Galleria Civica d’Arte Cont. Di Siracusa, Interno & Dum Dum, Bologna a cura di G. Marziani
Il Sogno, il Colore, il Segno - Biblioteca Nazionale Al-Assad, Damasco (Siria)

1999
Corporea - Castello di Rivara, Torino a cura di Olga Gambari
Autoritratti Italiani - Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia a cura di A.Arevalo e A.Fonda
Tecno Body (01) - Gall. Comunale d’Arte Contemp., Castel San Pietro Terme (BO) a cura di G.Marziani

1998
Contaminazioni 2 - Museo Lab. Università”La Sapienza”,Roma, a cura di B.Martusciello
Esquilino: laboratorio per artisti - Acquario Romano, Roma , a cura dell’ass. cult.Futuro

1997
Ritratti, Ritrattati, Ritrattanti - Gall. Giulia, Roma, a cura di G.Marziani
Malafemmina - Ass.Cult.Altri Lavori in Corso, Roma, a cura di F.Pietracci e A.Arevalo
Città Aperta - Ex Manifattura Tabacchi, Città Sant’Angelo (PE) a cura di R.Bianchini

1996
Artisti alla finestra - Ostuni (BA) a cura della Gall. Zelig
Natura, naturans - Museo del Mare, Trieste, a cura di M.Campitelli
Laboratorio di fine Secolo - Per mari e monti ass.cult., Chiesanuova di Treja (MC) a cura di G. Perretta

1995
Cosa ti sei messo in testa? - Fattoria Medicea, Monsummano Terme a cura del centro cult.A.Borghese
Gelo e Disgelo – Palazzo Farnese - Ortona (CH) a cura di A.Martino
Furor Populi Forum Popouli - Gall. Monti, Roma
Artists’ Choise - American Academy in Rome, Roma, a cura di M.Boyden

1994
Arte Fuori Circuito - Caffè Latino, Roma, a cura di B.Martuscello
Besos, Canciones, Santos y Estrellas - Ateneu de Cadaques, Cadaques - Spagna, testo di M.Carillo
40x40+40 - Gall. Menzio, Torino
Equinozio d’Autunno - Castello di Rivara, Rivara (TO)

1993
Luoghi - Gall. Il Segno, Roma, testo di L.Pratesi
Arte Giovane Oggi - Palazzo della Civiltà Italiana, Roma, a cura di L.Pratesi

1992
I° Rassegna d’Arte Contemporanea - Vecchio Mercato Coperto di Varzi (PV) a cura di G.Gardelli
Una mostra lunga un anno - A.A.M. Architettura Arte Moderna, Roma, a cura di F.Moschini

1991
Proposizioni Romane - Istituto Italiano di Cultura, Algeri - Algeria, testo di P. Mania
La Collezione - Rocca di Umbertide, (PG) a cura di E.Mascelloni

1990
Verba Manent Sripta Volant - Gall. Filippo Fossati, Torino
Artisti Della Non Tendenza - Museo Nazionale, Isernia, a cura di A. Romani Brizzi

1989
II° Biennale Giovane Arte Contemporanea - Castello di Sartirana Lomellina (PV)
Il Segno Della Differenza - Angelus Novus, L’Aquila a cura di A.Gasbarrini

1988
Pittori & Pittori - Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia

PRINCIPALI PERFORMANCES

2011
Qui la luce è differente - Performance Istituto Italiano di Cultura, Strasburgo (Francia)

2010

Signore e signori buona sera -  Performance Artandgallery, Milano 

2007
Motocicleta - DA2 Museo Arte Contemporanea, Salamanca (Spagna)

2006
ArtSaint Loop - ARCO stand gall. Espacio Minimo, Madrid (Spagna)

2005
Il tuo Pensierino - Stop ONE , Roma

2004
Every/Body - Desfilé: mannequin per nient - Villa Manin, Passariano (UD)

2003
Flambè Dreams - Buia Gallery, New York City

2002
…o0O!!! - Shock & Show , C/Zone, Trieste
Margutta Flash - Studio Lipoli, Roma

2001
Motocicletta - Forum Fabricum, Lodz e Contemporary Art Center, Poznan (Polonia)
Gnam,Gnam - Gall. Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma

2000
Rinkoboy - gall. Estro, Padova
II° Festival di Oreste, Abbazia di Montescaglioso (MT)
BodyGuard & Balls - Teatro Fraschini, Parma

1999
Ermetica - Il Mare, Sala dei Templari, Molfetta (BA)
Desfilè: Mannequin per nient - Corporea, castello di Rivara, Torino

1998
BodyGuard Peep Show - Gall.Il Ponte Contemporanea
Lady Muk - BresciaMusicArt, Teatro S.Carlino, Brescia
S.P.Q.R. Family - Riparte Café, Roma a cura della gall. Arco di Rab

1997
Rinkoboy - Campo delle Fragole, Bologna
L’Angelo Candito - Città Aperta, Città S.Angelo (PE)
Lady Muk Espanola - Gall. Espacio Minimo, Murcia, Spagna

1996
Larvamento amoroso di Rokkodrillo - Omaggio A P.Pascali, Polignano a mare (BA)
L’Angelo Candito - Artisti alla Finestra, Ostuni (BA)

1995
Lady Muk - Viafarini, Milano
Giochi di Corte o di Cortile - Cose dell’altro mondo, Trevi Flash Art Museum - Teatro Clitunno, Trevi (PG)
Rinfacci - Delitto Perfetto, Monti ass. cult., Roma

1994
Unpopop - Party Surrealista, Palazzo delle Esposizioni, Roma
Unpopop - Besos, Canciones, Santo y Estrellas , Ateneu de Cadaques, Spagna
Arte fuori circuito performance - Caffè Latino, Roma

1993
Omaggio a Majakovskij - Hall del Teatro Talia, Roma
Canzoni in Vetrina per la Biennale - Fiorella Gallery, Venezia con L.Pratesi
Lady Muk - Unpopop, Studio O.Turco, Roma
Rapparte - Omaggi di L.Pratesi, gall. Jartrakor, Roma

1992
Lop Lop Performance - “Roma 360°” Dieci notti della critica romana, Lop Lop Arte Contemporanea, Roma
Josèphine Baker presenta: Colori Sonori - Gall. La Nuova Pesa, Roma

1991
Unpopop - Esperienze Trasversali, Café Picasso, Roma

1990
Strilli - Temple Gallery, Roma

FRANCESCO SU CARTA, a cura di Gianluca Marziani

Nome: Francesco Impellizzeri
Luogo di provenienza: Drepanum (Sicilia)
Città d’adozione: Roma
Attitudine: artista
Professione: artista
Relazione tra arte e vita: completa
Coerenza globale: altissima
Passioni: chiedetelo a lui
Vita sessuale: proprietà privata
Altre proprietà: affari suoi

FRANCESCO IMPELLIZZERI arriva dalla Sicilia, da una Trapani che volentieri chiamo Drepanum (in un latino dalle parti del dialetto siculo), quasi a percepire l’eco arcaica che invade il sottofondo millenario dell’isola. Stessa origine anagrafica per CARLA ACCARDI, oltre quarant’anni di pittura e protagonismo culturale, maestra di calligrafie coerenti e passionali. Espongono assieme per la seconda volta, dopo un primo duetto, anno 1995, presso l’Accademia Americana in Roma. Adesso si tratta di un intero progetto su carta, denso e raffinato come riesce alla cellulosa sotto le movenze sensibili di mani talentose.

Struttura: 8 opere di Lei, 8 opere di Lui, 4 opere a quattro mani
Catalogo della mostra: ci siete dentro
Locandina/copertina: Impellizzeri & Accardi
Totale dei lavori: 21 (e non dite che è poco)

Francesco, da qui alla fine del testo, lo chiamerò soltanto per nome, proprio perché il legame professionale segue il filo emotivo dello scambio umano, a conferma che i bravi artisti distillano in loro la densità dei migliori sentimenti. Incontrarli è sempre un privilegio, una cura interiore, un dono. Non posso immaginare l’aridità sentimentale come dote di un artista “eucaristico”, uno che dovrebbe produrre un bene prezioso cui attingere con sguardo benevolo. Talvolta accade la mescolanza in negativo, forse neanche di rado. Ma l’opera, ricordiamolo, non perdona e lascia filtrare tutto, anche l’orrido dietro al bello, la rabbia non risolta, il complesso del dubbio malsano. Personalmente fuggo appena sento energie negative, tutelando le forze complementari che si attirano senza respingersi. Artisti come Francesco mi rinfrancano sulla limpidezza del fare generoso, sull’urgenza espressiva, sulle intuizioni che un autore mescola nella pupilla davanti al mondo. La bellezza del suo talento nasce da un cuore solido ma elastico, da una testa che ama i concetti senza preconcetti, da un disporsi a misura di bellezza e lotta.

Luogo della mostra: A.A.M.
Città: ROMA
Oggetto: OPERE SU CARTA
Numero di lavori: calibrato e simmetrico
Qualità: alta, ovviamente
Prezzi: chiedeteli in galleria

Del nostro Francesco ho scritto diverse volte, sottolineando il valore del suo trasformismo fisico ed iconografico. Il risultato delle sue mutazioni spiritualmente invasive? Personalità multiple e dialoganti, personaggi plausibili dalla natura pop, sguardi che combinano linguaggi sul confine mai saturo tra arte e verità. Identità molteplici dentro un unico, grande prisma umano che dirige emozioni e comportamenti, stati d’animo e fisionomie dello spirito. Vedo in Francesco l’archetipo italiano di un modus operandi davvero importante. Qualcosa in cui la lingua del corpo racchiude gli istinti primari del disegno, le nettezze fotografiche, la liberazione pittorica del colore, il flusso mediatico del video, le aperture del momento installativo. Vari linguaggi uniti da un solido flusso dialogante, dentro un organismo sensibile che recupera le incrinature dell’infanzia, le ragioni polivalenti dell’adolescenza, le scelte complicate, la liberazione dai freni inibitori.

La regressione diventa evoluzione, lungo memorie ripescate che si “sporcano” nella lucidità di uno sguardo ormai adulto. L’ultimo ciclo di Francesco cresce così su fogli da scuola elementare, ingranditi con una semplice simulazione del disegno. Sopra le pagine a righe nascono i PENSIERINI, serie di frasi che colgono lo spirito di un’immagine, semplificata e decodificabile come il ricordo di una purezza imperitura. Nei fogli, seguendo i momenti diversi del cammino creativo, si tatua la memoria del gioco caustico, l’ironia velenosa, l’unghia acuminata che carezza e graffia.

FRANCESCO SU CARTA. Francesco da Drepanum. Un’esperienza del disegno dai molti appunti intimi, un tessuto pittorico coi protagonisti di un quindicennio creativo. Drepanum come confine delle origini mai disperse, la cellulosa come terreno privilegiato della memoria. Geografia e cultura, istinto ed esperienza: sul filo sfuggente di una libertà inseguita in ogni linea, perimetro, colore, segno, dettaglio.

La mano che disegna abbraccia altre forme su carta, disegnate da un’altra mano che adesso ricorda. Il passato torna continuamente attuale, il presente gioca tra le direzioni del tempo nello spirito liberato dello spazio mentale.

F.I.C.A. ovvero Francesco Impellizzeri e Carla Accardi. Quattro iniziali che formano una parola senza mezze misure, diretta e chiara come non mai. Compare d’improvviso, segno e sintomo plurimo di un organo fisico che è il simbolo definitivo di una doppia condizione interiore. Da un lato colui che gioca con l’identità sessuale e sfata i deboli tabù del machismo passivo. Dall’altro colei che ha sempre riaffermato la condizione femminile, l’autonomia di ruolo in un contesto di storica centralità maschile. Due visioni opposte, due identità stranamente complementari. E in mezzo, sbandante ma non sbandato, il sottoscritto che quella parola la sente senza volgarità, prosaica e umida oltre qualsiasi moralismo sfibrato. Nessuna forzatura dei fatti ma una semplice coscienza delle vicinanze tra persone, storie, attitudini. Se poi vi disturba una semplice parola, cari apatici dal moralismo mortuario, mettete la morale in un deposito a lunga decorrenza. Mai eccitare il cane sveglio, C.A.Z.Z.O. (Contro Apatici Zoticoni Zombie Otturati).

Autore del testo: Gianluca Marziani
Attitudine: feticista globale
Professione: materiali contemporanei
Qualità: giudicate voi
Finale: aperto, ovviamente…

E che la carta sia con voi…

IMPELLIZZERI XX, testo di Domenico Scudero

Sono passati vent'anni dalle prime apparizioni di Francesco Impellizzeri performer. Erano gli anni dell' "arte giovane", termine che ha marchiato innumerevoli generazioni ma che ha caratterizzato per sempre quella emersa in arte tra la fine degli anni Ottanta e l'inizio degli anni Novanta. Francesco Impellizzeri con me condivide la formazione nella Roma prima plumbea del Black Out e poi sorniona della Mucca Assassina: sono elementi che segnano l'orizzonte nottambulo nel frenetico rinnovamento post-punk della città. Provenivamo da ambienti differenti ma credo ci unisse in modo determinante la voglia di fare arte, di inventare eventi d'arte che non fossero tristi e "pallosi", come si diceva allora. Nell'ambito artistico che volevamo forgiare e che risultava come il più energico della scena giovane le mostre erano considerate un momento performativo, uno scoppio di risate in locali alternativi e autogestiti piuttosto che una sfilza di opere precedute da una lagnosa conferenza stampa con vecchi pelandroni a cavallo di sedie obsolete. Sebbene ci rapportassimo in modo diverso, lui da artista ed io da critico curatore, abbiamo vissuto insieme numerosi eventi di quegli anni, la maggior parte dei quali gravitanti nelle attività della rivista Opening e dell'Associazione Culturale Sottotraccia, delle quali ero parte attiva. Proprio in una di queste occasioni fra arte da vendere a tutti i costi per sopravvivere e feste dall'estetica technicolor, ho conosciuto Impellizzeri. Erano gli anni in cui Impellizzeri lavorava nel nobile studio di Carla Accardi e già questo lo posizionava su una dimensione attenzionata, e si stava bene attenti a non dimenticarsene. Tuttavia la sua arte in forma di quadro io l'ho sempre tenuta in poco conto rispetto al più complesso sistema di segni e di azioni che sono da sempre la forza compulsiva della sua opera. Eravamo ad una festa e credo su istigazione di Ludovico Pratesi Francesco si "espose" in una performance canora cantando Vernice (Vernissage). Non ricordo bene il luogo, ma di certo era una serata dedicata ai giovani artisti di belle speranze, la maggior parte dei quali poi sparita nel nulla, tanto per non smentire la maledizione di questa generazione schiacciata fra genitori sessantottini e figli forzisti. Impellizzeri non era ancora stato visto nella sua azione scenica ma c'era il suo talento innegabile che sarebbe emerso poi in Strilli (Temple Gallery, 1990) durante la sua prima personale. Vernice (Vernissage) (1991) è, posso di certo dire, la prima hit di successo di Impellizzeri. In qualche modo raccoglie alcune indicazioni su ciò che sarebbero state le sue azioni successive e su una atmosfera che si respirava in quel momento. C'era un substrato pop molto forte, anche canoro alla Camerini, c'era l'astrazione idealista, a colori vivaci e aguzzi, c'era l'impianto scenografico che faceva molto anni Novanta e l'uso disinvolto dei materiali anche tecnici con una tattilità artigianale. Quando ci presentò Unpopop e Lady Muk ad Opera Stabile nel '94, faceva divertire anche soltanto sapere com'erano realizzate quelle ambientazioni. In quell'occasione Francesco arriva con una macchina stupenda, insolita, una R4 furgoncino giallo schizzato, la stessa che è stata poi usata anche per un'altra performance più "hard", Bodygard Peep Shop (Il Ponte, Roma, 1998). Tira fuori della roba, che sembra spazzatura e in quattro salti ti monta un ambiente pazzesco, con musica, luci, cuscini. Erano i primi eventi per la sua carriera, adesso già ventennale di azioni e performance. Dalle musiche pop e travestimenti da rock star, alle canzoni rappate della performance veneziana con Pratesi (Canzoni in Vetrina, Venezia, 1993), sino alle apparizioni in forma d'angelo luminoso. In L'annuncio dell'angelo candido, (Torretta del Valadier, Roma, 1995), Impellizzeri conclude una sequenza di appuntamenti dedicati all'aspetto politico del contemporaneo, a dispetto di quanti consideravano questi eventi che realizzavamo solamente come una forma di intrattenimento. La performance di Impellizzeri si è poi arricchita di giochi linguistici, concettuali, ambienti scenici, e ha inoltre dimostrato la poliedricità e la versatilità della sua figura d'artista. La sua forza è quella di parlare del contemporaneo, con un taglio critico anche severo, ma senza scadere nella fiacca screpolatura della depressione, piuttosto trasfomando vizi e vezzi in ironica "vitalità del negativo".
Ho inseguito la sua mostra al MLAC per tanto tempo e si è finalmente concretizzata. Possiamo così valutare tutto il percorso delle azioni artistiche di Impellizzeri sino al 2010, anche grazie al contributo curatoriale di Geoffrey Di Giacomo, che si è occupato della mostra. Io credo che al di là dell'appariscenza di questo percorso si sia di fronte ad una figura notevole d'artista che legge da un'angolazione decisa il contemporaneo e ci offre una visione disincantata e fintamente leggera di un mondo anche interiore. Un lavoro che immagino possa essere riscoperto dai giovani - anagraficamente tali - di oggi, studenti, critici e artisti.

MLAC, Roma 2010

PARTECIPAZIONI CINEMA TV

1991 Fantastico Bis - Rai 1


1992 Piano, Piano - Cortometraggio di Alessandro Piva

1995 Trafitti da un raggio di sole - Film di Claudio Del Punta

1999 Essere trasgressivi - Sfide - Rai 3

2000 Lady Muk e Antoine de Caunes - Eurotrash, Rapido TV (Londra)

2003 UNOmattina - RAI 1

2003 Orlando – LA72003

INOLTRE

1994 Collaborazione alla realizzazione del Video “Andando Controvento - C.Accardi” di F.Ravello

1995 …c’è una casa bianca che… Video per l‘installazione alla mostra “Artists Choise” all’American Academy in Rome, durata 3’30” Realizzazione S.B.P. Roma, musica S.S.Scarponi.

1997 Moda/Arte: doppio gioco - Terrazza del Pincio, Roma a cura dell’Ist. Europeo di Design

1998 Partecipazione al Progetto Oreste, Paliano (FR) Partecipazione allo spettacolo “Una noce poco fà” di Dennis Gaita, Teatro Valle, Roma

1999 Progetto Oreste alla 48a Biennale di Venezia

2000 Videoclippami, Video durata 4’, prodotto dalla Joe Blu, Roma